Una battaglia degna del nome della gara: 1000Miglia. Questo è stato il
quinto dei sette appuntamenti del PEUGEOT COMPETITION 208 Rally
Cup TOP 2021. Un rally che di fatto ha rimesso in discussione la lotta al
vertice con un verdetto in parte inatteso, ma assolutamente aderente a
quanto si è visto sulle tormentate e insidiose strade bresciane. Negli
ultimi due appuntamenti stagionali – con in palio un massimo di 51 punti
– saranno in quattro a giocarsi il titolo, accomunati dal fatto di essere tutti
giovani nati negli anni ’90.
Il vincitore (sia del rally che della power stage) e migliore dei protagonisti
con le sempre più competitive PEUGEOT 208 Rally 4 è stato l’empolese
Mirco Straffi che rilancia così la propria candidatura al successo finale,
complice anche il ritiro del favorito della vigilia, il ventiduenne lucchese
Christopher Lucchesi jr. che sino a quel momento aveva vanamente
cercato di colmare il minimo gap che li divideva (6” al momento del k.o.
a tre prove dalla fine) sin dalle primissime battute.
Puntata interlocutoria invece per il tuttora leader della classifica
stagionale, Fabio Farina. Il venticinquenne trentino, ancora una volta, è
stato molto bravo, ma ha anche pagato la superiorità della nuova 208
Rally 4 rispetto alla sua PEUGEOT 208 R2B della precedente
generazione: per lui un quarto posto ininfluente ai fini della classifica
generale, visto che per la prima volta in stagione è finito fuori dal podio e
avendo già raggiunto il numero massimo di quattro risultati utili questo
viene forzatamente “scartato”.
La bella lotta per il posto d’onore si è risolta a favore del sempre positivo
vicentino Nicola Cazzaro sul bresciano Jacopo Trevisani che, reduce

dalla recente conquista del PEUGEOT COMPETITION Raceday TERRA
2020-2021, puntava ad un risultato d’eccellenza sulle strade di casa.
Debutto sfortunato, invece, per il rientrante Antonio Viale, ritiratosi sulla
terza prova speciale.

Classifica generale del PEUGEOT COMPETITION 208 Rally Cup TOP
(dopo 5 gare di 7)
1. Farina 68 punti, 2. Lucchesi 63; 3. Cazzaro 47, 4. Straffi 35, 5. Santini
16, 6. Trevisani 15, 7. Bondioni 14.